L’amore

Standard

godot1

Questa notte il mio vecchio cane è venuto da me. Mi ha poggiato la testa sulle ginocchia, come infinite volte ha fatto, e ha guaito felice, mentre io ho sprofondato le mani nel suo pelo, e ho accarezzato il suo corpo caldo.

Questa notte io dormivo, ma il mio cuore raccoglieva giornate di sole rimaste nel vento e la mia anima si riempiva d’amore come una vecchia ciotola di legno.

L’amore disegna i tratti del tuo viso, ne scava le rughe, ne esalta il sorriso. L’amore ti scorre nelle vene insieme al sangue, diventa parte delle tue cellule, dei tuoi nervi, delle ossa.

L’amore dalle mille vesti.

L’amore di ogni istante, che muta, che pesa, che dura. Va ancora più a fondo, oltre il corpo e i ricordi, scende fino a ciò che sei, e ti plasma l’anima a martellate come uno scultore, la incide di segni, le dà l’unica forma che rimane.

Perché l’amore è eterno.

E quella che io sarò quando le danze saranno finite dipenderà solo dall’amore che ho provato, coltivato, regalato. Sarò un angelo o forse uno spettro.

La mia anima aleggerà intatta, sopra le dita magre della morte, e tornerà nei sogni di chi mi ha vissuto, come un vecchio, grosso cane, per farsi ancora accarezzare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...