Tutti i nostri Santi

Standard

C’erano una volta i Lari, gli spiriti degli antenati, i protettori del focolare.
C’erano una volta le radici, che sprofondavano nel terreno e si nutrivano di terra fatta di resti di altre radici.
C’era una volta la mano, che ne stringeva altre, attraverso lo spazio e attraverso il tempo.
C’erano le famiglie che rosicchiavano castagne, c’erano i vecchi e i bambini, mentre l’autunno sospendeva lo scorrere dei giorni e regalava un momento, uno solo, per abbracciare presente, passato e futuro.
Chi va avanti non può permettersi di voltarsi indietro, di gingillarsi con i ricordi, di accarezzare la morte e svanire nel suo fascino dolce, nel suo profumo di fiori recisi.
Chi va avanti deve essere spietato e indifferente, per poter gioire di ciò che ancora lo aspetta, per poter respirare senza pensare a quando di respiro non ce ne sarà più. È per questo che solo due giorni, due soli in tutto l’anno, sono stati dedicati alle ombre, perché noi stessi siamo già ombre ma non vogliamo vederlo, perché abbiamo bisogno del nostro passato, ma non possiamo rimanervi imbrigliati. Perché abbiamo infinito amore e paura infinita.
Il velo è abbassato, spiriti e folletti mi danzano intorno. Le mie nonne mi cantano la vita. I miei avi sorridono con volti di mille colori e mani spesse e forti, mani strette alle mie, mani che sono dentro le mie, e in quelle di mia figlia, che camminerà sul mondo portandoci con sé.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...